23 October, 2020 Friday Friday 23rd October, 2020
24 October, 2020 Saturday Saturday 24th October, 2020
1

Oratorio Santa Cita: uno tra gli oratori più sontuosi

Oratorio Santa Cita: percorrendo via Valverde, l’Oratorio si trova sul lato destro, esattamente a pochi metri dalla Chiesa di Santa Cita. S’accede da un elegante loggiato a duplice ordine con archi a pieno centro sulle colonne risalente al tardo cinquecento. Edificato dalla Compagnia del Rosario nel 1590 fu decorato dal grande scultore e maestro Giacomo Serpotta (1656-1732) tra il 1686 e il 1718, i lavori durarono parecchi anni. Oggi questo Oratorio viene considerato uno dei più sontuosi, per la ricchezza delle opere d’arte e gli ornamenti che contiene.

Oratorio Santa Cita: le opere del Serpotta

L’Oratorio è infatti decorato da stucchi in tutti i lati delle pareti. Sull’Altare Maggiore si può ammirare un opera pittorica raffigurante il Santissimo Rosario, un eccellente opera di Carlo Maratti. Nel presbiterio, appoggiati a due pilastri, si trovano due meravigliose statue in stucco che rappresentano la femminilità. una è Ester e l’altra è Giuditta, che esprimono una forte sensibilità grazie alla mano dell’artista Giacomo Serpotta.

Nelle pareti circostanti, sotto le finestre, si notano dei quadretti che rappresentano i quindici Misteri del Rosario. Tali figure sembrano vive e reali, l’estro del grande Giacomo Serpotta è veramente grandissimo tanto da meravigliare e stupire i visitatori.

Oratorio Santa Cita: tra arte e metafore

Le opere descrivono episodi del nuovo testamento come l’Annunciazione, la Crocifissione, la Resurrezione e la morte di Maria Vergine Madre di Cristo. Nella parete opposta all’Altare si trova nella parete centrale “La battaglia di Lepanto”. Ai lati del quadro si osservano le figure di due ragazzi seduti che simboleggiano gli effetti della guerra, entrambi rimasti privi dei genitori si raccomandano alla vergine.